marcogrimaldi.com

Letteratura, scuola, società

Come nasce la Storia. Su Francesco De Sanctis e la letteratura italiana

Qualche anno fa ho scritto un saggio per spiegare come e in che contesto nasceva la “Storia della letteratura italiana” di Francesco De Sanctis e perché fu un’opera rivoluzionaria. Il 25 aprile mi pare una buona occasione per tornare sull’argomento.

Come si racconta la storia della letteratura nell’epoca di Facebook e di Wikipedia? Se non si crede più nei concetti storiografici del Novecento, se la scuola non riesce a far sì che gli studenti si riconoscano nel processo storico che chiamiamo Risorgimento, nell’Unità d’Italia, nella Liberazione, che cosa resta del più grande classico della nostra critica letteraria, la Storia della letteratura italiana di De Sanctis?

1. Ma come nasce la Storia? Dobbiamo partire dal febbraio 1848, quando De Sanctis lesse un discorso alla presenza del ministro della Pubblica Istruzione del Regno delle Due Sicilie e di un gruppo di giovani. De Sanctis a quel tempo è un educatore. Ha insegnato molto, ma ha scritto poco. Nel Discorso a’ giovani si rivolge quindi al pubblico come un maestro 1:

Giovani, voi eravate una volta individui: ora esser dovete una classe. Importa che gl’individui si riuniscano in classi; importa che di sopra alle particolari opinioni stieno saldi alcuni princìpî a cui tutti ubbidiscano; il che è mestieri massimamente a’ giovani, troppo sensitivi, e troppo facili a ricever nell’animo ancor nuovo di ogni sorta impressioni. Voi esser dovete; voi siete una classe. Ché quando gli uomini diceano di doversi confidare ne’ giovani, quando diceano: – Viva è la fede ne’ giovani, e la patria è religione in loro, – quando attribuivano a voi un sentimento comune; essi vi hanno fatto una classe. Vi manterrete voi tali? Nol so: oggi ci ha molti interpetri dell’avvenire; io vi guardo con lo sguardo dubbioso. Nol so: dirò solo che tali voi sarete, quali vi farà l’opinione. L’opinione è onnipotente, e voi lo sapete. Ma tali vi farà l’opinione, quali voi meriterete di essere. L’opinione è la ragione stessa fatta dal popolo, e voi lo sapete. 

De Sanctis parla di classe in senso ideale, con un’imprecisione terminologica tutt’altro che eccezionale per l’uso dell’epoca 2. Il termine classe era infatti usato per indicare le suddivisioni della società, ma aveva già l’estensione semantica attuale: una classe era ciascuno degli elementi di una classificazione, era una parte sociale, ma era anche una classe in quanto raggruppamento di individui che compiono uno stesso corso di studi. Di che cosa sta parlando, quindi, il maestro De Sanctis? Che si parli di educazione civile e letteraria a un tempo è evidente dal modo in cui sono citati i Promessi Sposi: «Il primo palpito della vostragiovanezza, il primo libro che vi ha fatto amare gli uomini e la vita e l’ordine, non è stato i Promessi Sposi?».

Ma è possibile pensare che De Sanctis, che nelle classi aveva fatto la sua esperienza di studioso e di docente, stia parlando qui non solo di una categoria sociale, ma anche di un gruppo, di una classe di studenti? Nella classe di individui che devono essere più di sé stessi si ritrova infatti una delle componenti fondamentali dell’attività critica e politica di De Sanctis: l’idea che la costruzione dell’identità nazionale passi anche attraverso la scuola e attraverso i metodi e gli strumenti educativi. In particolare, l’ideologia e la struttura della Storia della letteratura italiana sono radicalmente determinate dalla funzione dell’opera, che fu pensata e scritta come testo «ad uso de’ Licei». La critica si è occupata prevalentemente delle fonti e dei modelli. Il problema, tuttavia, non è capire se esistessero e quali fossero le storie letterarie prima della Storia e in che misura De Sanctis si sia ispirato ad esse: bisogna spiegare le cause profonde che hanno permesso che la Storia fosse scritta.

2. Facciamo un passo in avanti. Il saggio Settembrini e i suoi critici (1869) contiene un dialogo immaginario tra De Sanctis e l’autore del libro recensito, Bonaventura Zumbini, che aveva scritto un opuscolo sulle Lezioni di letteratura italiana di Luigi Settembrini (1866) 3

            – Ecco un nuovo saggio critico. Mi piace che questo titolo abbia fatto fortuna. Dopo i miei saggi critici ho veduto comparire saggi politici, filosofici, critici in gran copia. E poichè in quel titolo io volli celare un’intenzione di modestia, sii anche tu il ben venuto col tuo saggio critico, modesto Bonaventura.

            Zumbini. Non molto modesto, signor De Sanctis; anzi metto pegno che, dopo avermi letto, mi troverete presuntuoso.

            – Ti ho letto, nè fo punto di te un giudizio così eccessivo. Anzi, se ti debbo fare una confessione, ho provato un vero gusto a trovare nel tuo libro parecchie idee ed anche un certo metodo di giudicare, dal quale io argomento che tu debba essere della mia scuola.

            Zumbini. Se si tratta di farvi piacere, non voglio dirvi di no. Ma, se debbo dire il vero, io mi son messo a un punto di vista superiore a tutte le vostre scuole. Voi dite la verità, ma non tutta la verità.

            – Sia pure. Ma una scuola non è che un complesso di idee, intorno a cui si aggruppano parecchi. Questo non impedisce che i discepoli possano modificare, sviluppare, chiarire. Ma fin che la base riman quella, riman la scuola.

            Zumbini. Chiedo scusa; ma io ho una più nobile ambizione; voglio divenire un caposcuola io.

            – Dimenticavo che sei meridionale. Presso di noi ciascuno è un caposcuola, e gli uomini più illustri non hanno potuto mai raccogliere intorno a sè tre o quattro seguaci che si gloriassero di esser detti discepoli e li accettassero come loro capi. 

Nel 1869 De Sanctis è un uomo maturo. Già più volte ministro dell’Istruzione, è dalla parte dei vecchi, ma osserva con simpatia le prove della nuova critica e infatti commenta: «Spetta alla nuova generazione trarre buoni frutti dalla libertà che noi le abbiamo conquistata, la più preziosa eredità che si possa lasciare a’ figliuoli» (Settembrini e i suoi critici, p. 186). Zumbini affronta senza timori le Lezioni, che erano quanto di più nuovo si era scritto sulla storia della letteratura italiana, ed il suo saggio era privo dei difetti della pubblicistica italiana, che era spesso «arcadica, rettorica, nebbiosa». Ma la nuova generazione voleva verificare tutto, tirare giù dall’Iperuranio le idee dei padri. Il problema del giovane Zumbini è semplice: come accettare le idee dei vecchi quando i giovani devono ancora rifare tutto il cammino per sapere se quelle idee siano giuste o sbagliate? E infatti Zumbini, che vuole subito fondare una scuola e una nuova filosofia, chiede a De Sanctis: «Vorreste dunque condannarci a stare tutta una vita fra date e cifre? Una filosofia bisogna averla» (Settembrini e i suoi critici, p.189). De Sanctis consiglia però di tenersi le idee antiche e, intanto, di studiare. 

Il dibattito riguarda un tema centrale nella riflessione di De Sanctis. Settembrini aveva infatti sostenuto che il carattere della letteratura italiana è la lotta contro il papato a favore della libertà nazionale. Da qui la centralità del contenuto. Zumbini opponeva invece la teoria dell’«arte per l’arte». De Sanctis elogia quindi il Settembrini, che come lui era stato maestro e cospiratore allo stesso tempo, oltre che attivo personalmente nella riforma del sistema scolastico. Con una riserva importante: il Settembrini, che è per De Sanctis l’immagine più schietta del radicale italiano, non era felice che nella lotta, e «quando vede il prete rizzarsi di rincontro a lui con in mano il Sillabo, ritrova la sua gioventù» (Settembrini e i suoi critici, p. 198). E infatti le Lezioni sono un grido di guerra dove tutto è reale, concreto, palpabile. In questa passeggiata nelle epoche della letteratura c’è però un altro difetto: Settembrini si è sacrificato alla moda e vi ha ficcato dentro sistemi, metafisiche e teorie, offrendo il fianco alle critiche della nuova generazione. Per De Sanctis, se una storia della letteratura non può essere più, come quella del Settembrini, «un viaggio artistico, sentimentale, estetico», non può essere nemmeno un serio lavoro scientifico, che a quel tempo, a suo giudizio, non poteva essere fatto né dal Settembrini né da altri: 

Una storia della letteratura è come l’epilogo, l’ultima sintesi di un immenso lavoro di tutta intera una generazione sulle singole parti. […] Oggi tutto è rinnovato, da tutto sbuccia un nuovo mondo, filosofia, critica, arte, storia, filologia. Non ci è più alcuna pagina della nostra storia che resti intatta. Dovunque penetra con le sue ricerche lo storico e il filologo, e con le sue speculazioni il filosofo e il critico. L’antica sintesi è sciolta. Ricomincia il lavoro paziente dell’analisi, parte per parte. Quando una storia della letteratura sarà possibile? Quando questo lavoro paziente avrà portato la sua luce in tutte le parti; quando su ciascuna epoca, su ciascuno scrittore importante ci sarà tale monografia o studio o saggio, che dica l’ultima parola e sciolga tutte le quistioni. Il lavoro di oggi non è la storia, ma è la monografia, ciò che i Francesi chiamano uno studio. Gl’impazienti ci regalano ancora delle sintesi e dei sistemi, sono stanche ripetizioni che non hanno più eco. La vita non è più là. Ciò che oggi può essere utile, sono lavori serii e terminativi sulle singole parti, e se la nuova generazione vuole dibutare e verificare, ottimamente, si mette sulla buona via; ripigli tutto lo scibile parte a parte e riempia le lacune, che ce n’è moltissime, ed apparecchi una condegna materia di storia. […] Una storia nazionale, che comprenda tutta la vita italiana nelle sue varie manifestazioni, è ancora un desiderio. Quello che abbiamo rimane a infinita distanza da questo ideale.  (Settembrini e i suoi critici, p. 204-5)

Questo passo viene spesso citato per sottolineare la contraddizione alle origini della Storia. Si apprende infatti che a un anno dall’uscita del primo volume, De Sanctis non credeva che una Storia potesse essere scritta. Non si trattava solo di demolire un potenziale concorrente: De Sanctis credeva fermamente che si dovessero scrivere prima le monografie e che poi sarebbe venuta la sintesi.

Secondo Benedetto Croce, De Sanctis «non concepì il proposito di scrivere la Storia della letteratura italiana prima dell’estate del 1868. Pure – aggiunge Croce – «può dirsi che questo libro si fosse andato preparando in lui fin dagli anni innanzi il 1848, nel tempo che teneva in Napoli corsi di lezioni sugli scrittori italiani, e avvertiva a ogni istante la povertà delle nostre vecchie storie letterarie» 4. Croce, a questo proposito, può citare solo l’opinione di uno scolaro del De Sanctis, Luigi La Vista, che nel 1847 affermava che Tiraboschi, Sismondi, Ginguené, Villemain e tutti gli scrittori di storie della letteratura italiana non erano altro che «chiacchiere». Lo stesso De Sanctis aveva promesso un lavoro sui maggiori poeti italiani e aveva tenuto corsi su vari argomenti di letteratura italiana tra Torino e Zurigo, ma Croce ammette che «non si ha notizia alcuna che vagheggiasse, in modo determinato, il proposito di scrivere una storia intera della letteratura italiana» (Croce, p. 268). Fa eccezione una testimonianza indiretta secondo la quale, nel 1865, De Sanctis sarebbe intento a una rapida “esposizione” della letteratura italiana. Negli anni Sessanta gli viene stata proposta la nomina a professore dell’Università di Napoli assieme all’incarico di scrivere una storia della letteratura italiana. Ma non se ne fa nulla (e si trattava comunque di un’opera per l’Università).

3. Negli anni che precedono la Storia, De Sanctis è occupato con i saggi critici, innanzitutto col Saggio sul Petrarca, pubblica assiduamente sulla «Nuova Antologia» e sta per finire l’opera su Dante. Poi, in una lettera del 1868, annuncia di essersi messo al lavoro su una storia della letteratura in un volume solo, «ad uso de’ Licei», e conclude un accordo con l’editore Morano di Napoli. Le lettere ci raccontano un De Sanctis alle prese con materiali immensi, che si vede sempre più sfuggire di mano il lavoro e un editore che alla fine accetta che i volumi siano due (ma non tre, come forse avrebbe voluto De Sanctis). Nell’agosto del 1870 esce il primo volume, mentre De Sanctis lavora ancora al secondo. A questo punto, Croce commenta: «Ed è dissipata anche l’illusione di aver scritto un libro pei licei», citando una lettera dove De Sanctis dice all’editore che «il compendio […] verrà dopo» (Croce, p. 273). E conclude quindi: «Il disegno di scrivere un compendio pei licei operò fin da principio sul suo animo da norma costrittiva […], e altresì da pungolo, quasi egli avesse sempre qualcuno alle calcagna; e gli impedì, insomma, di spaziare largamente e a suo bell’agio, come l’argomento avrebbe richiesto, e la lunga preparazione, che si era venuto procurando, avrebbe permesso all’autore: ma forse, per un altro verso, favorì l’andamento serrato e drammatico del racconto» (Croce, p. 275).

De Sanctis comincia a pensare fattivamente a una Storia nell’estate del 1868. Scrive quindi il Settembrini – dove una storia della letteratura italiana è considerata impossibile da un punto di vista scientifico – mentre già lavora alla sua Storia. Si è tentato di risolvere la contraddizione spiegando che De Sanctis «era perfettamente consapevole dell’estrema difficoltà di un tale lavoro che, per riuscire compiuto, sarebbe dovuto essere l’epilogo e l’ultima sintesi delle ricerche particolari di intere generazioni» (Muscetta, p. 64). La Storia si giustificherebbe quindi, rispetto alle sintesi precedenti, per «il punto di vista dal quale egli si pose», ossia il problema del rapporto tra letteratura e vita nazionale (Muscetta, p. 65). Ma il mutamento di punto di vista è sufficiente a giustificare l’impegno profuso da De Sanctis in un’opera che se alla fine non fu un vero compendio venne però adottata nelle scuole?

La critica moderna, che dopo Croce – con poche eccezioni – guarda alla Storia come all’opera che ha rifondato la critica letteraria in Italia, non può che ridurre, più o meno consapevolmente, il peso della sede editoriale cui la Storia era destinata. La Storia fu pensata, scritta e pubblicata come libro di testo per i Licei. Che De Sanctis si sia lasciato prendere la mano e abbia scritto due volumi invece di uno, che siano stati molti i materiali sacrificati e che l’ultimo capitolo – sugli scrittori contemporanei – sembri il meno compiuto perché l’autore avrebbe voluto far uscire un terzo volume, tutto questo non può far dimenticare perché e come era stata pensata la Storia. È probabile che la Storia esista e sia tale solo perché De Sanctis volle farne un testo per le scuole e non un’opera di riferimento per gli studiosi. Solo in questo modo si spiegano le contraddizioni e si sintetizzano le diverse anime del De Sanctis: il ministro della pubblica istruzione che spende tutte le sue energie per la scuola popolare e l’autore della Storia. Una Storia che ha poi scarso successo nelle scuole: lo stile fu da alcuni ritenuto «troppo fumosamente estetico» 5

La critica ha già affrontato il tema del rapporto tra la Storia e la scuola. C’è chi ritiene che «nell’analizzare il suo procedere come scienziato e teorico della letteratura, non va mai dimenticato il suo proporsi anche e soprattutto come patriota e come educatore etico-politico» 6. Chi spiega che la Storia, nelle intenzioni dell’autore, era pensata «per quella che sarebbe dovuta essere la nuova classe dirigente della giovanissima e risorta nazione italiana: da questa motivazione “pedagogica”, e dunque tutt’altro che estrinseca rispetto ai valori cui credeva» 7.

Certo, la comparsa di molte storie letterarie non poteva essere casuale, ma non ci si deve chiedere quale fosse il modello pedagogico allora più diffuso e quali cambiamenti fossero in atto. L’idea che la Storia nasca come «mediazione egemonica», nel momento in cui De Sanctis, dopo la sconfitta della Sinistra, la rottura con Ricasoli e l’adesione all’opposizione parlamentare nel 1867, decide di spostare la “linea di mediazione” dal piano pratico-politico a quello della «preparazione etico-politica ed ideologico-letteraria», è giusta, ma non ci spiega ancora le ragioni di una Storia “ad uso de’ Licei” (Mordenti, p. 587). Certo, è vero che la nascita del genere “storia letteraria” in Italia era un fatto recente. Ma le storie letterarie non mancavano. Si poteva discutere del loro valore, non della quantità. Ciò che cambia non è il punto di vista, quanto il modo in cui si insegna ed il rapporto con il sistema educativo.

 4. Le ragioni della Storia sono molteplici. Negli anni Settanta, si cerca di introdurre nelle scuole alcune storie letterarie (Raicich, 248); nasce un’editoria scolastica che doveva rispettare i programmi ministeriali; De Sanctis è uno dei maggiori intellettuali e politici del tempo e non può non entrare nell’affare – perché era anche un buon affare – delle storie letterarie. Non solo perché oggi siamo convinti che nel corso di tutta la sua attività intellettuale De Sanctis avesse cercato di tracciare quel disegno complessivo delle epoche letterarie che sarà compiuto solo con la Storia. È possibile, ma non certo, che De Sanctis avesse già da molti anni in mente il disegno della Storia. È invece sicuro che per scrivere la Storia deve rinunciare a qualcosa: in primo luogo all’idea che ci fosse ancora troppo lavoro duro da fare perché si potesse trovare il tempo per la sintesi. 

Le ragioni economiche hanno la meglio. Non solo perché De Sanctis spera di guadagnare dal compendio (sappiamo invece che a un certo punto rischia di rimetterci per farlo come lui voleva), ma perché alle ragioni della scienza si oppongono quelle dell’utile. Non si può più attendere che tutte le monografie fossero compiute. Si deve scrivere il racconto della letteratura nazionale, lo si deve scrivere in fretta, ora che l’Unità si sta compiendo, e lo si deve scrivere per i Licei (e non per le Università), perché è a quel livello che i giovani debbono smettere di essere individui per diventare classe. L’idea di scrivere una storia per i Licei non è un pretesto, come credono quasi tutti i critici moderni, distratti dal valore storico e scientifico che oggi attribuiamo alla Storia. Croce sbaglia quando pensa che la destinazione liceale sia stata una “costrizione” e un “pungolo”: se così è stato, si è trattato di un vincolo deliberatamente scelto. Croce ha ragione invece quando puntualizza che «forse, per un altro verso, favorì l’andamento serrato e drammatico del racconto». Nonostante le correzioni in corso d’opera, la scuola è la motivazione – la situazione – fondamentale della Storia della letteratura italiana.

5. Come si insegnava la storia della letteratura italiana prima della Storia 8? I Ricordi sono un’eccezionale testimonianza sulla storia dell’educazione. De Sanctis, raccontando la sua vita, racconta una storia di aule, di lezioni e di salotti letterari attraverso la quale possiamo seguire il suo percorso da discente a docente. Tra il 1831 e il 1832, fa il liceo:

La scuola dell’abate Lorenzo Fazzini era quello che oggi direbbesi un liceo. Vi s’insegnava filosofia, fisica e matematica. Il corso durava tre anni, e si poteva anche fare in due. Quell’era l’età dell’oro del libero insegnamento. Un uomo di qualche dottrina cominciava la sua carriera aprendo una scuola. I seminarii erano scuole di latino e di filosofia. Le scuole di governo erano affidate a frati. La forma dell’insegnamento era ancora scolastica. Rettorica e filosofia erano scritte in quel latino convenzionale ch’era proprio degli scolastici. Le scienze vi erano trascurate, e anche la lingua nazionale. Nondimeno un po’ di secolo decimottavo era pur penetrato tra quelle tenebre teologiche, e con curioso innesto, vedevi andare a braccetto il sensismo e lo scolasticismo.(Ricordi, 526)

De Sanctis non è un osservatore neutro; e infatti ci fa notare alcune cose molto importanti. Innanzitutto che quella era «l’età dell’oro del libero insegnamento». Ed è vero, perché quando dopo il 1821 a Napoli era cominciata la reazione, il Borbone aveva istituito una Commissione che aveva posto sotto stretto controllo l’istruzione primaria e gli insegnanti stessi, aveva previsto una severa sorveglianza (anche dal punto di vista confessionale) per gli studenti e aveva duramente censurato i metodi didattici di impronta lancasteriana. Non ci sono solo ombre nella storia dell’educazione nel Regno. C’era stato il Piano delle scuole del Genovesi e si può dire che il Regno era stato all’avanguardia nelle politiche scolastiche. Anche l’espulsione dei Gesuiti, sulla quale sarebbe complesso esprimere un giudizio globale, aveva contribuito a condurre il sistema scolastico verso un modello laico.

Questo accadeva prima della Rivoluzione e prima di Vienna. E sebbene tra il 1830 e il ’48 la pedagogia idealistica di Rosmini e Gioberti avesse trovato ampia diffusione all’Università di Napoli, le restrizioni pubbliche e la difficoltà di attendere ai proclami che prevedevano scuole gratuite in ogni comune, avevano dato una spinta decisiva alle scuole private, determinando un netto successo dell’insegnamento dei laici al livello di scuole superiori, laddove era invece incontrastato il predominio clericale nell’istruzione inferiore. Le prime inchieste parlamentari unitarie riveleranno un tasso di alfabetizzazione del Mezzogiorno drasticamente più basso rispetto al Piemonte e alla Lombardia. Le leggi del Borbone erano restate perlopiù lettera morta; nei fatti, una scuola popolare sarà ancora l’obiettivo del De Sanctis e del Settembrini. 

Comunque sia, le scuole frequentate da De Sanctis sono ben organizzate (De Sanctis ricorda che vi stavano almeno 400 ragazzi e fa un elogio del gabinetto scientifico dell’abate, «che fu poi acquistato dall’Università»). Tuttavia, la critica del De Sanctis maturo fu severa: quella del Fazzini era scuola «di forme e non di cose, e si attendeva più ad imparare le parole e le argomentazioni, che le cose a cui si riferivano» (Ricordi, p. 531). Le cose migliorano quando nel ’33 comincia a frequentare lo studio del marchese Puoti:

la base della scuola era la buona e ordinata lettura di trecentisti e cinquecentisti; che si voleva leggere prima gli scrittori in istile piano, poi quelli di stile forte, e poi quelli di stile fiorentino. Riserbò per ultimo la lettura di Dante e del Boccaccio. Solo dopo un par d’anni ci erano consentiti i cinquecentisti; i moderni poi vietati affatto, massime i poeti (Ricordi, p. 542)

Rapidamente De Sanctis si stanca anche della scuola purista: «Venutomi a noia lo studio delle parole, mi prendea vaghezza di studiare le cose» (Ricordi, p. 552). Tuttavia, De Sanctis, che forse non è del tutto entusiasta dei metodi, ma che è brillante e ambizioso e in cerca di mezzi di sussistenza, diviene aiutante di Puoti. I Ricordi confermano quanto si apprende delle storie dell’educazione: la sostanza dell’insegnamento è la Ratio studiorum gesuitica, dove lo spazio per la letteratura italiana è ridotto, anzi praticamente assente. La base dello è era il latino; si legge solo la Gerusalemme

Poi diventa professore nel Collegio Militare della Nunziatella, dove tiene le prime lezioni ampie e strutturate e dove lo troviamo alle prese con una storia della grammatica che non scriverà mai. Anche se non ne ha i mezzi, tende alla sintesi. Vuole scrivere una storia, prima di sapere le cose. Se quella della grammatica gli è negata perché l’argomento è troppo distante dalle sue competenze, De Sanctis si rivolge a ciò che meglio conosce: i trecentisti. Ma non ne fa una lettura o una rassegna ordinata, né insegna a scrivere come loro: ne fa una storia. In quell’ambiente, in quell’epoca, è una scelta poco ortodossa:

Il mio cervello era una fabbrica di teorie, e mutando il punto di partenza, capovolgevo la base, dilettandomi di foggiar sistemi nuovi a mio comodo. Con giovanile audacia mi ponevo facilmente giudice tra gli autori, menando sferzate di qua e di là. Il mio studio era volto principalmente a ridurre le varie esagerazioni nella giusta misura. Questo si vide soprattutto nelle ultime lezioni, che furono sulla lingua del Trecento. Feci una storia dei migliori trecentisti, accompagnata da giudizi brevi e precisi, e notai i pregi e i difetti di quella lingua, navigando così destramente tra le esagerazioni degli uni e degli altri, che i novatori non ne furono scontenti, e il marchese mi diede un bravo. (Ricordi, p. 625)

Le lezioni sui trecentisti seguono quelle sulle forme retoriche calate nella storia; poi viene la poetica. Il modo in cui procede è quindi ancora integralmente scolastico: grammatica, retorica, poetica. Non c’è ancora la storia, ci sono solo le forme. Ma la scuola ha successo e De Sanctis ottiene una classe:

La scuola era numerosissima. Già la fama se ne spargeva per la città e per le province. In essa si era naturalmente formata l’aristocrazia dell’ingegno. Per consenso tacito di tutti, i migliori occupavano i banchi d’innanzi. Mi corse allora per la mente la reminiscenza della scuola del Puoti, e volli consacrare quella distinzione ufficialmente, volli anch’io gli Eletti. […] Io pronunziai un discorso che non trovo più fra le mie carte. Il sugo era che la scuola è presentimento della società, che quei primi banchi erano pronostico degli alti posti sociali a cui salgono i più degni, dei quali gli altri sono come il corteggio e il coro. […] Quell’anno cominciarono le lezioni di letteratura. (Ricordi, p. 685)

De Sanctis è consapevole dell’importanza della formazione delle classi dirigenti e della necessità della selezione. La scuola «è presentimento della società»: la società che ha in mente – lui che da ministro si adoperò affinché in Italia potesse esserci una scuola popolare e che fece molto anche per le scuole professionali – è una società dei molti, dove la scuola seleziona i migliori. Nel 1842 tiene le lezioni sul genere narrativo:           

Intorno a me si aggirava il rumore delle vecchie opinioni. L’unità d’azione, di tempo e di luogo era un assioma; l’Iliade era il modello immutabile di tutti i poemi possibili. C’erano regole fisse, delle quali non era lecito scostarsi. Sotto il nome di principii correvano generalità applicabili a tutt’i casi, come certe ricette. La Divina Commedia non era un poema, l’Orlando furioso neppure: poesie divine sì, ma contro alle regole; e non sapevano raccapezzarsi sotto qual genere andassero allogate. C’era la gran lite degli episodi, e si pretendeva che la Divina Commedia fosse una serie di episodi, e non si leggevano che alcuni di essi, stimati più belli. Dante era poco meno che un barbaro. Poco si leggevano gli stranieri; Shakespeare passava addirittura per barbaro, e Lope de Vega un ciarlone. Rousseau e Voltaire erano nomi scomunicati. Ignoti quasi una gran parte degli scrittori del secolo decimottavo in poi. Poco si leggeva, meno si studiava, molte erano le chiacchiere. La nostra ignoranza degli scrittori stranieri dava proporzioni eccessive al merito degl’italiani. Alfieri era superiore a tutti i tragici, e Goldoni a tutti i comici, e la Basvilliana veniva comparata alla Divina Commedia: non si distingueva il mediocre dall’eccellente. (Ricordi, p. 685)

In poche righe De Sanctis descrive la critica del suo tempo soffermandosi su un punto centrale, che non lascerà stupiti quanti ne conoscano l’interesse per la letteratura europea del suo tempo, fino agli ultimi anni di vita, quando l’Europa letteraria è scossa dal naturalismo e dalla “rivoluzione” darwiniana: perché si possa giudicare della letteratura nazionale non occorre trasformare in idoli le glorie nazionali. E, soprattutto, non bisogna dimenticare che esiste anche una letteratura contemporanea.

6. Prima della Storia, il metodo di insegnamento della letteratura è quindi ancora sostanzialmente scolastico, nel senso in cui De Sanctis stesso utilizza questo termine: gli anni di studio non sono scanditi da una progressione cronologica delle materie, ma organizzati secondo ampi raggruppamenti disciplinari. Prima la grammatica, poi la retorica, poi la letteratura vera e propria. C’è del buono anche in un sistema di questo tipo, ovviamente; ma fatto sta che quando si arriva alla Storia la prospettiva è radicalmente mutata: non si può più insegnare per “corsi monografici”. Lo studio dev’essere storico, seguire l’andamento e l’evoluzione della storia nazionale e di quella storia dev’essere parte integrante.

Abbiamo tra l’altro la testimonianza dei progetti presentati tra la fine del 1848 e il 1849, quando fa parte della Commissione provvisoria per la Pubblica istruzione: De Sanctis auspica che rifioriscano gli studi classici, le lettere italiane e gli studi storici, accompagnati dalla geografia e dalla cronologia, «quasi affatto trasandati da noi». Anche se questo modello può sembrare, dal nostro punto di vista, il più naturale, non era così nella scuola di prima. (D’altra parte anche oggi il paesaggio è sfumato: opere generali e manuali scolastici e universitari organizzati per temi – o per aree geografiche – sono sempre più diffusi).

L’insegnamento della storia letteraria come disciplina autonoma compare esplicitamente in Italia con i programmi Coppino del 1867 (R.D. 10 ottobre 1867, n. 1942): «Una esposizione continua ed intera della storia letteraria verrà lor data [agli studenti] unitamente alla storia civile da speciale professore». De Sanctis partecipa quindi immediatamente al cambiamento. Rinuncia all’idea di attendere che siano compiute tutte le monografie e si getta in quello che si prospettava un terreno estremamente fertile, dato che ci sarebbero stati “speciali professori” di storia letteraria e che quella storia sarebbe stata insegnata assieme alla storia civile (una circolare del novembre 1870, quando il primo volume della Storia era già uscito, riassegnava la storia letteraria al docente di italiano).

Nel 1884, quando Coppino fu di nuovo ministro, il disegno del ’67 fu perfezionato e il ruolo della storia letteraria nei programmi scolastici diventa ancor più centrale. Nell’agosto del 1872, sulla «Nuova Antologia», in uno scritto intitolato La Scuola, De Sanctis identifica ormai nell’istruzione la «fonte primaria per la trasformazione della società italiana e la sconfitta delle sue ataviche abitudini e mollezze» 9.

7. Non bisogna mitizzare la Storia. Gli elementi che ne hanno fatto un classico della storiografia letteraria non sono né originali né unici. Fanno parte di un quadro generale – che De Sanctis aveva contribuito personalmente a mutare – e all’interno di quel quadro vanno giudicati. René Wellek diceva che nella Storia l’avanzare dello spirito e della coscienza nazionale è «fatale come la Provvidenza» 10. Fatale, certo, ma non per opera della Provvidenza quanto di un regolamento didattico. Si potrebbe concludere dicendo che De Sanctis abbia colto semplicemente un’opportunità. È vero, ma quell’opportunità, quell’utile e non la Provvidenza, è ciò che ha fatto la storia della letteratura italiana.

D’altronde, l’insegnamento stesso della storia nazionale e civile era cosa recente. L’Illuminismo aveva spianato la strada e i riformatori napoletani avevano recepito le innovazioni: la storia entrava nei curricoli scolastici. Fu la Rivoluzione francese a diffondere la novità in Europa. Il Decreto di Murat del 1811 introdusse nel Regno l’insegnamento della storia secondo i nuovi canoni pedagogici e la Restaurazione riportò tutto – o quasi tutto – ai modelli precedenti.

8. Nelle ultime pagine della Storia De Sanctis sembra riprendere le fila del Settembrini. Solo ora che c’è una sintesi si potrà ricominciare a fare gli studi monografici. L’evoluzione civile e scientifica vanno di pari passo. Se ci sono dei cittadini ci sono studiosi pronti a scandagliare ogni angolo della nostra letteratura. Senza la sintesi non esiste una classe 11:

L’Italia è stata finora avviluppata come di una sfera brillante, la sfera della libertà e della nazionalità, e n’è nata una filosofia e una letteratura, la quale ha la sua leva fuori di lei, ancorché intorno a lei. Ora si dee guardare in seno, dee cercare sé stessa; la sfera dee svilupparsi e concretarsi come sua vita interiore. […] In questa ricerca degli elementi reali della sua esistenza, lo spirito italiano rifarà la sua coltura, ristaurerà il suo mondo morale, rinfrescherà le sue impressioni, troverà nella sua intimità nuove fonti d’ispirazione, la donna, la famiglia, la natura, l’amore, la libertà, la patria, la scienza, la virtù, non come idee brillanti, viste nello spazio, che gli girino intorno, ma come oggetti concreti e familiari, divenuti il suo contenuto. Una letteratura simile suppone una seria preparazione di studi originali e diretti in tutt’i rami dello scibile, guidati da una critica libera da preconcetti e paziente esploratrice, e suppone pure una vita nazionale, pubblica e privata, lungamente sviluppata. Guardare in noi, ne’ nostri costumi, nelle nostre idee, ne’ nostri pregiudizi, nelle nostre qualità buone e cattive, convertire il mondo moderno in mondo nostro, assimilandocelo e trasformandolo, «esplorare il proprio petto» secondo il motto testamentario di Giacomo Leopardi, questa è la prepedeutica della letteratura nazionale moderna, della quale compariscono presso di noi piccoli indizi con vaste ombre. 

Dal punto di vista delle strutture, De Sanctis non sbaglia. Per la storia economica e sociale è normale elaborare spiegazioni basate su cambiamenti strutturali: secondo la classica tesi di Romeo sullo sviluppo della rete ferroviaria italiana, ad esempio, è la ferrovia ad aver creato un mercato nazionale. 12. Meno spesso si utilizzano dati quantitativi per spiegare le trasformazioni del sistema culturale. Nel caso della dantistica, solo con l’Unità si raggiungono i livelli scientifici dell’Inghilterra e della Germania. E solo con la nascita e l’organizzazione di un sistema educativo e di un’Università nazionali si creano le strutture che avrebbero consentito di dare avvio alle più importanti realizzazioni della dantistica italiana. In Italia, prima dell’unificazione, ci sono grandi intellettuali e importanti centri culturali: ma l’Unità ha creato qualcosa che prima non c’era e che era forse indispensabile nel nuovo mondo industriale, esattamente com’è accaduto con le ferrovie e con il commercio.

La Storia è quindi da un lato il prodotto della “scuola del Risorgimento”, della scuola che De Sanctis aveva frequentato. Ma è anche un atto di volontà: De Sanctis contribuisce, offrendo una sintesi di storia letteraria e civile, al processo di costruzione dell’identità nazionale. Al centro di questa dialettica tra scuola del passato e scuola del futuro c’è un evento – l’Unità – che muta radicalmente lo stato delle cose. Solo in questo senso la Storia è “fatale”.

9. Perché oggi sembra così difficile accettare l’eredità della Storia di De Sanctis? Forse per la difficoltà di credere nelle “grandi narrazioni”, come quella che sorregge questa Storia «apodittica», questa «favola», questa «invenzione possente e ingombrante»? 13

Le ragioni sono molteplici. L’avanzamento degli studi e l’accumularsi delle informazioni e delle interpretazioni rendono complesso tracciare un disegno unitario dai poeti siciliani a Gomorra e gli schemi storiografici sul modello della Storia vengono quindi spesso ritenuti «improponibili»  14. Inoltre, chi scrive e insegna la storia della letteratura crede sempre meno nel “mito” dell’Unità d’Italia e del Risorgimento. E se non si crede all’unità della storia d’Italia – nel modo in cui i francesi credono all’unità della storia di Francia da san Luigi alla Quarta Repubblica – è difficile, direi impossibile, credere nelle storie particolari, nella storia della letteratura e nella storia della lingua.

Che fare, allora? Forse si deve ripartire dal basso, dalle singole storie, dalla storia letteraria e linguistica, dalla storia della scienza e dell’arte; dalle “monografie” e dagli “studi”, avrebbe detto De Sanctis. O forse si deve invece ripartire dall’alto, dal quadro generale. La storia della scienza di Lucio Russo ed Emanuela Santoni 15, ad esempio, è una storia della scienza in Italia, della scienza fatta in Italia e non solo quella fatta da italiani. È una storia controcorrente, in un’epoca in cui si crede poco alle storie nazionali, e che ha una tesi che a me pare rivoluzionaria: esiste un carattere nazionale che non è climatico, non è biologico, non è razziale, ma che consiste in una tradizione culturale che è in stretto rapporto con gli eventi storici e politici.

10. Una classe dovrebbe quindi riconoscersi in alcune idee fondamentali? Per De Sanctis le cose sono molto semplici: «importa che al di sopra delle particolari opinioni stieno saldi alcuni principi a cui tutti ubbidiscano» (Discorso a’ giovani, p. 4). Ma ubbidire è un verbo che oggi non ascoltiamo con piacere e la solidità dei principi è sempre – e giustamente – in discussione. Non è detto però che quelle idee fondamentali debbano essere semplici o retoriche. Potrebbero essere delle idee complesse, come sono complesse le idee di Risorgimento e di Unità d’Italia, e potrebbero essere ancora delle idee condivise. 

L’opinione – la «ragione stessa fatta dal popolo» – sta cambiando. Chi scriverà le prossime storie – la prossima storia della letteratura italiana per la scuola – potrà contribuire (in minima parte, perché oggi l’opinione la fanno i media, la fa Internet) a far sì che le nuove classi non dimentichino la centralità del Risorgimento, dell’Unità, della Liberazione?

[Una prima versione di questo saggio, con il titolo “Francesco De Sanctis e la scuola del Risorgimento”, è uscito su «Belfagor», LXVI, 5 (2011), pp. 529-42]

image_printStampa

Notes:

  1. Discorso a’ giovani, in F. De Sanctis, Opere, vol. XV, Torino, Einaudi, 1960, p. 4.
  2. C. Muscetta, Francesco De Sanctis, Bari, La Terza, 1975, p. 22.
  3. Settembrini e i suoi criticiRicordi, in F. De Sanctis, Scelta di scritti critici e Ricordi, Torino, Einaudi, 1969, pp. 187-88.
  4. B. Croce, Come fu scritta la «Storia della letteratura italiana», in Una famiglia di patrioti, Bari, Laterza, 1949, pp. 267-76.
  5. M. Raicich, L’officina del manuale, in Di grammatica in retorica, Roma 1996, pp. 243-77, p. 254; e vd. anche l’attenta disamina di A. Quondam, De Sanctis e la Storia, Roma, Viella, 2018.
  6. P. Jachia, Introduzione a De Sanctis, Bari, Laterza, 1996, p. 68.
  7. M. Paladini-Musitelli, Il punto su: De Sanctis, Bari, Laterza 1988, p. 4. 16. E c’è chi pensa che De Sanctis «non può non concepire che la partita egemonica decisiva si gioca proprio lì, in un libro di testo «ad uso de’ Licei», cioè all’incrocio tra la formazione scolastica superiore per i futuri gruppi dirigenti riorganizzata dal nuovo Stato e il rinnovato dinamismo dell’editoria italiana del Risorgimento» 17R. Mordenti, Storia della letteratura italiana, in Letteratura italiana, dir. da A. Asor Rosa, Le opere. III, Torino, 1995, pp. 573-665, a p. 585.
  8. Vd. almeno L. Banella, “Dante, la nascita dell’Italia e della letteratura italiana: il racconto delle origini nelle storie della letteratura risorgimentali,” in «Giornale Storico della Letteratura Italiana», CXCIV, n° 647 (2017), fasc. 3, pp. 321-359.
  9. T. Iermano, L’uomo di Machiavelli, il realismo e la nuova Italia […], in «Giornale storico della letteratura italiana», CLXXXVI, 2008, pp. 17-63, p. 33.
  10. Storia della critica moderna, vol. IV, Bologna, il Mulino, 1969, p. 146.
  11. Storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1996, p. 814-5.
  12. R. Romeo, Risorgimento e capitalismo, Bari, Laterza, 1959; ma vd. anche in generale R. De Lorenzo, Borbonia Felix. Il Regno delle Due Sicilia alla vigilia del crollo, Roma, Salerno, 2013.
  13. A. Quondam, L’identità (rin)negata, l’identità vicaria […],in L’identità nazionale nella cultura letteraria italiana, Galatina, Congedo, 2001, vol. I pp. 127-49,  pp. 128-29. Vd. anche C. Raimo, Contro l’identità italiana, Torino, Einaudi, 2019, pp. 80-80.
  14. A. Di Benedetto, «Identità italiana» e altro, in «Giornale storico della letteratura italiana», CLXXXVIII, 2010, pp. 296-75, p. 273.
  15. Ingegni minuti, Milano, Feltrinelli, 2010

Precedente

Il futuro di Dante

Successivo

Dante e le donne. Contro gli studi di genere

  1. salve, anche se non tratta specificamente De Sanctis, una lettura molto utile mi pare quella di Francesco SBERLATI, “Filologia e identità nazionale. Una tradizione per l’Italia unita (1840-1940)”, Sellerio, Palermo 2011.
    Trovo stimolante il suo suggerimento riguardo il testo di Russo e Santoni, di cui però trovo problematica la critica a Vico, la cui valenza positiva è stata invece rivalutata in altri approcci (p.es. nella storia del pensiero linguistico)…

    • Grazie mille per i suggerimenti (un riferimento a Sberlati dovrò aggiungerlo senz’altro; per quanto riguarda Russo e Santoni non avevo modo di andare nel dettaglio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén